Addio a Ray Lovelock

È morto, a 67 anni, questa mattina a Trevi l'attore e cantante italiano Ray Lovelock.

Addio a Ray Lovelock

A darne notizia all'ANSA il fratello Andrea. "Aveva un tumore che ha combattuto coraggiosamente ma negli ultimi due mesi le sue condizioni si erano aggravate" spiega.

Lovelock ha girato moltissimi film e fiction sul grande e piccolo schermo. Tra i più famosi Cassandra Crossing, polizieschi come Uomini si nasce poliziotti si muore e per la tv La Piovra 5 e Caterina e le sue figlie.

Nato a Roma da un papà inglese che gli ha dato il cognome, Raymond ha iniziato la sua carriera nei fotoromanzi fino al debutto con Lizzani.

Ha recitato in: Squadra volante (1974), Uomini si nasce poliziotti si muore (1976), Pronto ad uccidere (1976).
Solo cinema fino al 1980, poi il primo lavoro televisivo: La casa rossa, diretto da Luigi Perelli.

Da allora, seguono sceneggiati per il piccolo schermo quali L'amante dell'Orsa Maggiore (1982), I due prigionieri del 1984 (con Cochi Ponzoni) in cui l'attore è diretto da Anton Giulio Majano. Un anno dopo, è fra i protagonisti di A viso coperto; segue Mino - Il piccolo alpino (1986), diretto come il precedente da Gianfranco Albano, 'Solo' (1989), Uomo contro uomo (1989) e La piovra 5 - Il cuore del problema (1990) in cui interpreta un agente americano nella prima puntata ambientata a New York.Sempre per la televisione interpreta Il coraggio di Anna (1992), 'Delitti privati' (1993), Mamma per caso del 1997 (al fianco di Raffaella Carrà).

Nel 1998 è in Primo cittadino e, nel 1999, nella prima serie di Commesse nel ruolo dell'amante di Nancy Brilli. Nel 1999-2000 prende parte al telefilm Turbo e nel 2000-2001 alla soap opera Ricominciare. Nel 2001 è la volta di Giulia e Marco, inviati speciali, con Barbara De Rossi. Nello stesso anno entra in Incantesimo (quarta, quinta e sesta stagione) in cui interpreta l'ex marito di Giovanna (Paola Pitagora) e nel 2004 appare in un episodio della quarta stagione di Don Matteo. I funerali si terranno domani alle 14.30 al Duomo di Trevi.

Lovelock lascia la moglie Gioia, la figlia Francesca Romana, il nipotino Thomas, i fratelli Michael e Andrea..