Carni rosse ancora sotto accusa

Carni rosse ancora sotto accusa






La carne rossa è ancora al centro dell’attenzione. In questo caso un segnale forte arriva da uno studio epidemiologico pubblicato sul British Medical Joornal a firma di Arash Etemadi, del National Cancer Institute statunitense.

I ricercatori americani concludono che esiste una correlazione fra consumo di carni rosse e incremento medio della mortalità del 26%. Il legame più stretto è risultato, in particolare, con la mortalità da sofferenza cronica del fegato.

Lo studio è stato condotto su 537 mila persone fra i 50 e i 71 anni all’inizio dell’indagine, che è durata 16 anni e ha coinvolto 6 Stati.

Tra i responsabili di questo effetto vanno inclusi il ferro eme delle carni rosse e i nitriti/nitrati di quelle processate. Altri aspetti coinvolgono le sostanze cancerogene che si producono durante alcuni tipi di cottura (segnatamente quelle alla griglia), come amine eterocicliche e idrocarburi aromatici policiclici, contaminanti dei mangimi animali, nonché un ridotto consumo di frutta e verdura che in genere si accompagna a una dieta particolarmente ricca di carne.

La mortalità è risultata inferiore del 25% fra chi preferiva pesce e carni bianche rispetto a chi optava spesso per la carne rossa.





Ti potrebbero interessare



Ansia: i metodi per ritrovare la calma
Ansia: i metodi per ritrovare la calma
Le doti “purificatrici” dello zenzero
Le doti “purificatrici” dello zenzero
Zucchero bianco, di canna o dolcificante?
Zucchero bianco, di canna o dolcificante?
Quando mangiare il cibo scaduto
Quando mangiare il cibo scaduto
Come controllare la fame nervosa
Come controllare la fame nervosa
Sindrome della testa che esplode
Sindrome della testa che esplode
Addio patente a chi soffre apnee notturne
Addio patente a chi soffre apnee notturne
Idee salutari per la pausa pranzo in spiaggia
Idee salutari per la pausa pranzo in spiaggia
Tutte le altre notizie di Salute & Benessere