Chi si arrabbia muore prima dei 70 anni

La prossima volta, prima di arrabbiarvi per il traffico caotico o per qualche altro inconveniente quotidiano, pensateci due volte.

Chi si arrabbia muore prima dei 70 anni

Fate un bel respiro e cercate di calmarvi. Potreste evitare una morte precoce, o comunque prima di aver compiuto 70 anni.

Un gruppo di ricercatori dell’Iowa State University ha infatti condotto uno studio in cui è stato evidenziato che chi ha una maggiore facilità nell’inalberarsi aumenta significativamente il rischio di morire per cause legate a disturbi cardiovascolari, quali infarto o ipertensione

Avere un carattere fumantino, si sa, predispone agli scatti d’ira e non fa bene sia al corpo che alla mente. La novità di questa ricerca sta nel calcolo degli anni che intercorrono tra episodi di arrabbiatura e la morte: se, ad esempio, si compromette la propria salute intorno ai 35 anni, somatizzando sentimenti negativi prodotti dall’umore, è più probabile che la morte sopraggiunga nei successivi 35.

La rabbia è collegata a una varietà di processi psico-somatici negativi. Tra questi, l’arteriosclerosi e gli infarti cardiaci.

«Ciò suggerisce – hanno scritto gli autori dello studio – che la somatizzazione dell’ira attraverso passaggi psicologici possa essere responsabile della comprovata associazione tra l’ira stessa e la mortalità»..