Cinque anni di Papa Francesco

Papa Francesco chiude oggi il suo quinto anno di pontificato.

Cinque anni di Papa Francesco

Ma adesso si apre un periodo ancora ricco di sfide: in primo piano i giovani, ai quali il pontefice ha voluto dedicare il prossimo Sinodo dei vescovi, e la famiglia, con l'incontro mondiale in Irlanda che dovrebbe suggellare le indicazioni della Amoris Laetitia, nella quale il pontefice, ancora una volta, chiede alla Chiesa di avere uno sguardo di misericordia sull'uomo.

Resta forte anche l'impegno sulle riforme: molte cose hanno già trovato attuazione, per esempio nel settore delle comunicazioni e in alcuni accorpamenti in Curia, come anche sul versante della trasparenza finanziaria, ma ci sono ancora tante altre cose da cambiare.

Papa Francesco non ha mai rinunciato ad incontrare nessuno. Anche chi, come il leader della Turchia Erdogan, solo per citare una delle udienze più recenti, poteva risultare un ospite scomodo.

E' la pace la priorità da raggiungere. E guarda alla pace, infatti, anche il suo prossimo viaggio internazionale, quello a Ginevra, il prossimo 21 giugno, nel corso del quale potrebbe essere lanciata una grande iniziativa per il Medio Oriente, e per la Siria in particolare, ancora sotto le bombe.

Questo sarà soprattutto l'anno dei giovani: già la settimana prima di Pasqua li ha convocati in Vaticano per preparare il Sinodo di ottobre; poi l'incontro a metà agosto con i giovani italiani; ad ottobre l'assise dei vescovi, fino a gennaio 2019 con la Gmg a Panama.

Un magistero intenso, sempre a grande velocità, nel quale il Papa, ormai ottantenne, continua a tenere un gran passo. E' la "grazia di stato" che "sostiene e accompagna" sempre il Papa, ha commentato recentemente padre Federico Lombardi, per anni suo stretto collaboratore. "Diversi testimoni possono attestare la serenità sostanziale che continua ad essere con lui anche nei momenti in cui decisioni difficili o tensioni potrebbero essere causa di comprensibile turbamento", ha detto l'ex portavoce fotografando la tempra del Papa argentino. La stessa di quella sera che stupì il mondo intero con un semplice "Buonasera"..