Come lavare i vestiti dei piccoli di casa?

Molte mamme si domandano se i vestiti del bambino abbiano bisogno di un trattamento speciale e se debbano essere lavati separatamente da quelli degli adulti.

Come lavare i vestiti dei piccoli di casa?



Che siate abituate alla lavatrice o che preferiate il lavaggio a mano, prima che il bambino nasca, vi consigliamo di lavare le prime tutine e i primi body che prevedete di far indossare al bambino.

Questo discorso vale tanto più per gli indumenti che acquistate nei negozi o nelle grandi catene di abbigliamento: si tratta di vestitini che, per quando adorabili, subiscono innumerevoli passaggi di mani e di espositori: sono dunque potenzialmente ricettacolo di germi di qualunque tipo.

Ma quale detersivo bisogna preferire? L’importante, specialmente per i primi mesi di vita del bambino, è evitare i saponi troppo irritanti, quelli ricchi di profumi aggiunti e di coloranti. Nei supermercati troverete inoltre additivi antibatterici e disinfettanti: il loro impiego è facoltativo.

In alternativa, per le mamme green o per chi non vuole spendere troppo in saponi e detersivi, il rimedio più immediato per le macchie è l’uso del sapone di Marsiglia o qualunque sapone vegetale – di cocco o di olio d’oliva – pensato per il bucato.

Sia che laviate a mano sia che utilizziate la lavatrice, specialmente nei primi mesi di vita del bambino cercate di fare un giro di risciacquo in più rispetto al normale: si tratta di un’azione che consente di eliminare ogni traccia di sapone dai vestiti del bambino.

Per esperienza, vi consigliamo di lavare i vestitini del bebè insieme a quelli del resto della famiglia. Non c’è motivo per separarli dal resto dei panni sporchi: la lavatrice serve proprio per lavare, non per mescolare germi e batteri. Così facendo, oltre a sfruttare meglio la lavatrice, mentalmente comincerete a considerare il bambino come una presenza “usuale” della vostra famiglia e non la componente debole da tenere in una campana di vetro a tutti i costi..