Cos'è il ringiovanimento ovarico?

Ci sono donne che non riescono a diventare madri, anche se in giovane età, perché forse sono entrate in menopausa precoce o soffrono di insufficienza ovarica prematura o hanno una bassa riserva ovarica.

Cos'è il ringiovanimento ovarico?




Si parla di menopausa precoce quando la cessazione del ciclo mestruale avviene prima dei 40 anni: può succedere a causa della propria predisposizione genetica, di fattori ambientali o stile di vita oppure può accadere per cause iatrogene cioè essere la conseguenza di alcuni trattamenti farmacologici.

Oppure il problema può essere una bassa riserva ovarica, che non è solo un fenomeno fisiologico dopo i 40 anni, ma è un problema anche per donne più giovani: di solito è ravvisabile in quelle che si sono sottoposte a chirurgia pelvica con asportazione di tessuto ovarico per rimuovere per esempio, cisti ovariche, endometriosi, neoplasie, nelle donne con familiarità per la menopausa precoce o per quelle che a causa di un tumore, si sono dovute sottoporre a radio e chemioterapia.

Per le donne afflitte da tali problematiche che vogliono diventare mamme una nuova speranza può arrivare dal ringiovanimento ovarico: una metodica ancora sperimentale che agisce sull’ovaio per invertire, anche se solo parzialmente, il processo di invecchiamento con attivazione dei follicoli dormienti che altrimenti, rimarrebbero nell’ovaio senza svilupparsi, neanche sotto mirata terapia farmacologica.

Proprio di tale opportunità si è discusso nel Congresso Internazionale di Medicina Riproduttiva organizzato da Ivi, dove si è affermato che, grazie al ringiovanimento ovarico, 4 donne con insufficienza ovarica precoce stanno affrontando una gravidanza.

«Queste tecniche permettono di offrire un’alternativa a donne con insufficienza ovarica prematura che non si sentono pronte per realizzare un trattamento di ovodonazione» spiega la dott.ssa Daniela Galliano, responsabile centro Ivi di Roma.

Questo metodo, dunque, permette di diventare madri usando i propri ovuli, senza dover ricorrere alla donazione di ovociti, un particolare di non trascurabile importanza da un punto di vista psicologico..