Cos'è l'indice glicemico dei cibi e a cosa serve

L'indice glicemico è un valore, riferito agli alimenti che contengono carboidrati, che indica la velocità con cui aumenta la glicemia (la concentrazione di glucosio nel sangue) in seguito all’assunzione, e dipende dalla velocità di digestione e assorbimento.

Cos'è l'indice glicemico dei cibi e a cosa serve



È espresso in percentuale rispetto alla velocità con cui la glicemia aumenta dopo l’assunzione di glucosio o pane bianco, che hanno per convenzione indice uguale a 100.

Se il valore è inferiore a 55 l’alimento è a basso indice glicemico. Fra i 56 e i 69 si collocano invece i cibi a medio indice glicemico, mentre numeri superiori a 70 sono relativi agli alimenti con elevato indice glicemico.

E' un indice che varia molto, a seconda di vari fattori, come la consistenza dell’alimento, il tipo di cottura, i trattamenti subiti in precedenza, il grado di maturazione, l’associazione con altri cibi.

Quindi, controllare solo questo valore non permette di capire in quali quantità un certo alimento può essere consumato per evitare l’iperglicemia.

L’indice glicemico è solo una delle cose di cui si dovrebbe tenere conto quando si mangia. Solo perché un alimento ha un basso contenuto glicemico non vuol dire che sia sano, o che si possa mangiare in gran quantità. Anche le calorie, le vitamine e i minerali sono importanti.

Ad esempio, le patate fritte hanno un indice glicemico uguale a quello dei piselli, e più basso rispetto all’avena.
Ma avena e piselli sono molto più nutrienti.

Anche le porzioni contano. Più si mangiano carboidrati, di qualunque tipo, più ciò influirà sul livello di glucosio nel sangue. Questo si chiama carico glicemico ed è un numero che solitamente compare nella lista accanto all’indice glicemico.

Per una dieta a basso carico glicemico, ecco cosa mangiare:

- Cereali integrali, frutta, noci, legumi, verdura e altri cibi a basso indice glicemico
- Ridurre il consumo di pane, pasta, riso bianco e patate, che hanno alto contenuto glicemico
- Evitare cibi zuccherati, torte, caramelle, biscotti e bibite

Si possono comunque mangiare cibi ad alto valore glicemico, basta scegliere porzioni piccole, e cercare di bilanciare il pasto con altri alimenti a basso indice glicemico..