Cosa c'è di interessante nel cielo notturno invernale?

Durante l'inverno possiamo vedere un'altra porzione del Cielo Stellato.

Cosa c'è di interessante nel cielo notturno invernale?

Da Orione all'Auriga, Gemelli, Cane Minore, Cane Maggiore, Toro e Pleiadi, lo spettacolo è assicurato.
?
Orione è una delle più suggestive costellazioni; rappresenta un gigantesco cacciatore o guerriero seguito da due cani, il Cane Maggiore e il Cane Minore. La sua principale caratteristica è costituita dalla cintura di Orione, formata da tre stelle allineate poste esattamente all’equatore celeste.

Un insieme di stelle e da una diffusa nebulosità rappresenta la “spada” che pende dalla “cintura”; li si trova la nebulosa di Orione o M42: una grande regione di formazione stellare

Ogni anno, in ottobre, lo sciame meteoritico delle Orionidi sembra irradiarsi da un punto vicino al confine con i Gemelli.
Miti e Leggende, Orione, figlio di Poseidone, dio del mare, era alto e di bell'aspetto. Il poeta Omero lo descrive nell'Odissea come un grande cacciatore che brandisce una clava di bronzo. Molto vanitoso, si vantò con la dea Diana di poter uccidere qualsiasi animale sulla terra. La dea Gea(madre Terra) per punizione mandò uno scorpione che lo punse a morte.

Nel cielo Orione è collocato nella parte opposta rispetto alla costellazione dello Scorpione e, ogni notte, il primo sparisce sotto l'orizzonte al sorgere dell'altro. Secondo un'altra leggenda Orione si innamorò di un gruppo di ninfe, le Pleiadi rappresentate dall'omonimo ammasso stellare della confinante costellazione Toro, la sua posizione sembra infatti rincorrere quell'ammasso stellare.

Oltre a M42, la nebulosa di Orione, La nebulosa Testa di Cavallo rappresenta un altro degli oggetti visibili in questa costellazione. Le stelle Betelgeuse Alpha(?) e Rigel Beta(?) Orionis, sono le più luminose.
Il Toro è una costellazione Zodiacale molto appariscente che si trova tra l’Ariete e i Gemelli. (Il sole la attraversa tra il 14 maggio e il 21 giugno)
I due principali oggetti del Toro sono i due ammassi: LE PLEIADI e le IADI .

Le prime secondo la mitologia greca sarebbero le sette figlie di Atlante e Pleione, per questo l'ammasso M45 viene anche chiamato “le sette sorelle”. L’ammasso dista dal sole 400 a.l.; la stella più brillante è eta(?) Tauri Alcyone gigante bianco azzurra di magnitudo 2,9.
Le Iadi con la caratteristica forma a “V”, invece, sarebbero le figlie di Atlante ed Etra, e marcano il muso del bovino, mentre la gigante rossa Aldebaran alfa(?) Tauri 65 a.l. da noi, è l’occhio iniettato di sangue. L’ammasso dista 150 a.l. dal sole.
M1 (nebulosa Granchio) è il resto di una supernova osservata nel 1054 d.c.

Cane Maggiore
- Rappresenta il più grande dei cani del cacciatore ORIONE;
- È impreziosita da Sirio alfa(?) Canis Majoris la stella più brillante del Cielo magnitudo -1,44; fosse al posto del sole sarebbe venti volte più luminosa ed è vicina a noi a 8,6 a.l.; è un astro di colore bianco, ma quando è basso all'orizzonte sembra scintillare con colori cangianti per effetto della rifrazione atmosferica;
- M41 è un ammasso aperto a circa 2300 a.l.
?
Cane Minore
- è una piccolissima costellazione, rappresenta il cane più piccolo del cacciatore Orione
- Alfa(?) Canis Minoris (Procione) è l’8^ stella del cielo per luminosità, magnitudo 0,4 e il suo nome, di origine greca, significa “prima del cane”, intendendo con questo che sorge prima di Sirio. E' una stella distante 11,4 a.l.
.