Decide di ospitare 7 migranti, ignoti tentano di bruciarla

La scelta di ospitare i migranti nel B&B ha provocato tensione tra i cittadini, alimentata anche dalle proteste di Lega e Casapound.

Decide di ospitare 7 migranti, ignoti tentano di bruciarla

Fino all'intimidazione e intanto il progetto di accoglienza è stato sospeso.

San Lorenzo Dorsino è un piccolo comune in provincia di Trento che nelle ultime settimane, ha mostrato il lato peggiore di sé. Uno dei circa 1.600 abitanti, proprietario di un bed and breakfast, ha deciso di destinare parte del suo locale all'accoglienza di sette migranti. Ma la procedura è stata sospesa a causa delle troppe proteste scatenate tra i cittadini, alimentate anche da Lega e Casapound. Fino ad arrivare all'intimidazione: un tentativo di incendio della sua casa.

A raccontare la storia a Radio Popolare è stato Gabriele Buscaini, il proprietario del b&b che ha manifestato il suo disappunto per una vicenda sulla cui ricostruzione non c'è ancora chiarezza. A cominciare dall'immobile di cui la scorsa settimana hanno tentato di bruciare una finestra: non è lo stesso che avrebbe dovuto ospitare i sette migranti. "Si tratta di un'abitazione - ha spiegato Buscaini - ceduta alla mia compagna. È tutto sbagliato: la casa per i migranti si trova dall'altro lato. Quella parte non c'entra niente, è stata danneggiata la casa di una persona terza". .