Depurarsi con il finocchio

Il finocchio ha incredibili proprietà disintossicanti e si dimostra un prezioso alleato soprattutto se si soffre di ritenzione idrica.

Depurarsi con il finocchio



Durante la dieta depurativa al finocchio è importante bere tanta acqua, specialmente lontano dai pasti, in modo da favorire il processo di eliminazione delle tossine. Allo stesso tempo è importante praticare con regolarità l’attività fisica.

Gli attacchi di fame tra i pasti possono essere gestiti meglio consumando finocchio crudo, perché apporta poche calorie e allo stesso tempo riesce a saziare.

Vi consigliamo un menù da seguire nel corso della dieta del finocchio:

Colazione: una tazza di caffè d’orzo e un bicchiere di latte parzialmente scremato; in aggiunta 30 grammi di cereali.

Spuntino e merenda: yogurt magro alla frutta o un centrifugato di finocchio.

Pranzo: 50 grammi di pasta che si possono condire con il pomodoro fresco e il basilico. Finocchi al vapore e 200 grammi di altre verdure a piacere.

Cena: Minestrone di verdure senza legumi (120 grammi) o passato di verdure (100 grammi), 100 grammi di pollo in umido oppure una spigola con cipolla e pomodorini, 150 grammi di insalata di verdura mista e un kiwi.

A queste indicazioni bisognerebbe aggiungere il consumo della tisana al finocchio da bere durante la giornata, nel corso della dieta e nelle 2 settimane successive.

Si può preparare una miscela di finocchio, radice di liquirizia, anice verde, coriandolo e timo.

Si lascia il tutto in infusione per 15 minuti, per ottenere un infuso capace di sgonfiare la pancia e favorire la digestione.

Provare per credere..