Dolori alla schiena e al collo: 7 abitudini corrette

Molto spesso postura e dolori muscolari sono collegati: i dolori alla schiena o alla cervicale sono spesso causati dalla scorretta posizione che si assume quando si è in piedi, seduti o addirittura sdraiati.

Dolori alla schiena e al collo: 7 abitudini corrette

Una postura corretta è in grado di mantenere il corpo allineato e stabile con il minor dispendio di energia possibile. È fondamentale quindi applicare delle abitudini posturali corrette perché la colonna vertebrale è una delle strutture più forti del corpo umano che assolve a importanti funzioni di sostegno, mobilità e protezione.

Vediamo quali sono le 7 corrette abitudini consigliate per migliorare lo stato della nostra schiena.

1. Posizione seduta
Quando si sta seduti è bene che la schiena sia appoggiata allo schienale della sedia e i piedi tenuti ben piantati a terra, senza accavallare le gambe evitando così che la circolazione sanguigna venga ostacolata. Se si è seduti davanti al pc, è sempre consigliato usare un supporto ad altezza occhi sul quale posizionare lo schermo, per evitare di curvare schiena e collo in avanti e in basso, posizione che a lungo andare potrebbe favorire l’insorgere di dolori nel primo tratto della colonna vertebrale o del collo.

2. Posizione eretta
Un buon portamento ha inizio dai piedi. Quando si è in posizione eretta entrambi devono essere poggiati a terra in ugual modo senza caricare troppo uno dei due. L’assetto ideale della colonna vertebrale è rappresentato dalle sue curve naturali che non dovranno essere né accentuate né ridotte, il peso del corpo deve quindi essere bilanciato al centro, esattamente tra i due piedi.
Anche in questo caso, è bene non rimanere fermi nella stessa posizione per lungo tempo. Se possibile, è consigliabile appoggiare il bacino o la schiena a un ripiano o a un muro e distanziare tra loro i piedi per rendere più salda la base di appoggio del corpo.


3. Postura in movimento
Per stare attenti a dove si mettono i piedi, spesso, si guarda per terra mentre si cammina. Questa però non è un’abitudine esattamente corretta, perché mantenere per troppo tempo il collo piegato può causare fastidiosi dolori cervicali. È quindi consigliato tenere il collo in posizione verticale e la testa alzata, abbassando di tanto in tanto solo gli occhi e lo sguardo.
Per quanto riguarda il modo di camminare, invece, è corretto appoggiare sempre prima il tallone per terra e poi la punta del piede per evitare di spostare l’intero peso del corpo in avanti e avere fastidiosi dolori di schiena.

4. Postura a riposo
Il riposo è paradossalmente una delle principali cause che predispone l’individuo al mal di schiena e al mal di collo. Infatti, la muscolatura vertebrale, durante il sonno, si contrae irrigidendosi, quindi è bene assumere posizioni corrette per evitare un doloroso risveglio. È consigliato dormire a pancia in su con le mani lungo i fianchi o sul fianco perché solo in questo modo la colonna vertebrale può rimanere allineata correttamente alla testa. Può essere molto utile posizionare un cuscino sotto le ginocchia e un asciugamano attorno alla vita per permettere alla colonna vertebrale di mantenere la sua curva nella parta bassa della schiena. Per chi soffre di cervicale invece è altamente sconsigliato dormire a pancia in giù perché questo significherebbe girare la testa da un lato e il collo ne risentirebbe. Meglio dormire supini usando un cuscino basso o di lato usando due cuscini bassi per permettere al collo di essere allineato con il resto del corpo.

5. Alzarsi dal letto nel modo corretto
Anche fare attenzione a come ci si alza da una qualunque posizione sdraiata può essere di grande aiuto in caso di dolori muscolari. Per alzarsi nel modo corretto è importante mettersi su un fianco e darsi la spinta con la mano e il braccio per tirarsi su. Mentre il tronco sale, le gambe scendono fino a toccare il suolo.

6. Sollevare e portare dei pesi
Evitare sempre di sollevare carichi pesanti a busto flesso. Per una corretta postura bisogna piegare le gambe, portare indietro il bacino, contraendo gli addominali, mantenere la schiena diritta ed il peso il più vicino possibile al corpo; questo tipo di attenzione riduce il peso sulla schiena del 30%. Durante il trasporto di oggetti pesanti, invece, è bene distribuire equamente il peso sul corpo. Per esempio, cambiare spesso spalla cui si appoggia la borsa e lo zaino, o equilibrare le buste della spesa in tutte e due le mani può essere una semplice ma efficace accortezza.

7. Praticare attività fisica
Lo sport è fondamentale per allungare, rinforzare e mantenere i muscoli in ottimo stato. Inoltre, esistono molte attività e tipi di allenamento che servono proprio per equilibrare e correggere la postura. Le attività fisiche maggiormente consigliate sono: camminata, corsa, nuoto e stretching. Studi recenti hanno evidenziato che con una lezione alla settimana di yoga o pilates, per almeno 6 mesi, si notano netti miglioramenti alla schiena, che appare più tonica e flessibile. Oltre all'attenzione alla postura e all'attività fisica un ulteriore aiuto per il mal di schiena e il mal di collo arriva dal calore. La termoterapia è un metodo naturale per aiutare a migliorare la mobilità e la flessibilità articolare e muscolare. Per ottenere questo benefico effetto esistono vari rimedi tra cui ad esempio cerotti o fasce autoriscaldanti, che sprigionano calore terapeutico per sciogliere il dolore e combattere le tensioni muscolari..