Dormire con un partner che russa può essere pericoloso

Siamo sicuri che dormire con il partner nello stesso letto faccia bene? Stando ai risultati di una recente ricerca condotta presso l’Università di Leeds, sembra di no: circa un terzo dei partecipanti allo studio ha dichiarato di soffrire di disturbi del sonno proprio a causa della persona con cui si dorme.

Dormire con un partner che russa può essere pericoloso



Se il nostro partner russa, si rigira continuamente o emette strani suoni, le nostre notti possono diventare davvero impossibili.

Il problema è che un riposo notturno poco tranquillo può essere all’origine di seri problemi di salute, dall’infarto alla depressione, dall’ictus alla tendenza a comportamenti suicidi, sino alla conseguenza più logica e diretta: il divorzio.

Da qui il consiglio degli esperti: cominciare a considerare l’ipotesi di dormire in letti diversi (o, addirittura, in stanze separate), se il riposo rischia di essere inevitabilmente compromesso. Dice infatti l’esperta del sonno Nerina Ramlakhan: «Quasi un terzo (il 29 per cento) degli inglesi non riposa bene a causa del partner. Così per molte persone diventa chiaro che dormire in stanze separate renderebbe il sonno molto più piacevole e riposante».

Ma c’è un altro studio, condotto dall’Università dell’Ohio, secondo il quale un sonno disturbato danneggia anche la nostra pelle: chi dorme male, infatti, perde circa il 30 per cento di acqua in più. Soprattutto nel caso delle donne, la pelle appare più invecchiata.

La carenza di sonno comporta anche disagi a livello psichico ed emotivo, causando nervosismo e stress durante il giorno.

Dormire in stanze separate, in questi casi, potrebbe farci bene alla salute..