Durante l’allenamento meglio una banana rispetto agli sport drink

Una banana come integratore durante l’esercizio fisico fa meglio degli “sports drinks”, i beveroni a base di zucchero che molto spesso assumono gli atleti in allenamento che fanno affidamento sui carboidrati per alimentare intensità di esercizio e velocità di recupero.

Durante l’allenamento meglio una banana rispetto agli sport drink



Lo sostiene un nuovo studio dell’Appalachian State University di Kannapolis, che confronta gli effetti sulle cellule dei carboidrati consumati durante lo sport. La banana è naturale e vince per le proprietà antinfiammatorie. Gli scienziati volevano capire se esistesse una valida alternativa naturale per evitare aromi e sostanze chimiche aggiunte agli energy drink che sarebbe meglio non ingerire.

Hanno così chiesto a 20 ciclisti professionisti, maschi e femmine, di completare un percorso di 75 chilometri in bicicletta, in cui hanno fatto bere solo acqua. In altre corse, oltre all’acqua, gli stessi atleti potevano bere sport drink o mangiare mezza banana ogni 30 minuti. Hanno quindi controllato il sangue prima, subito dopo e 45 ore dopo la pedalata per individuare i marcatori di infiammazione e i livelli di centinaia di molecole, note come metaboliti, che indicano lo stress del corpo.

Hanno scoperto che l’ingestione di acqua porta a livelli relativamente alti di marcatori infiammatori nel sangue, gli stessi erano molto più bassi quando i ciclisti avevano assunto la banana o la bevanda sportiva.

Le differenze marcate invece sono state riscontrate nell’attività di alcuni geni che intensificano l’infiammazione e che solo le banane riuscivano a bloccare. I farmaci antinfiammatori, come l’ibuprofene, funzionano inibendo proprio gli stessi geni ed enzimi, come aveva fatto la banana. Ancora da stabilire come il frutto riesca a agire e se metà di una banana standard ogni 30 minuti è la quantità ideale durante lo sforzo. .