Furgone investe pedoni all'uscita della moschea

LONDRA - Un furgone bianco ha deliberatamente investito i fedeli musulmani che stavano uscendo da una moschea, a Finnsbury Park, dopo la preghiera serale del sacro mese di Ramadan.

Furgone investe pedoni all'uscita della moschea

Al momento si contano un morto accertato e almeno 8 feriti ricoverati in ospedale, tre gravi, mentre l'uomo alla guida é stato arrestato dalla polizia che sta indagando sull'accaduto come «un potenziale attacco terroristico», ha dichiarato verso l'alba la premier Theresa May dopo le cautele ufficiali iniziali.

Per il Muslim Council of Britain non ci sono dubbi, quelle persone sono state colpite «deliberatamente», a dimostrazione di una «una violenta manifestazione d'islamofobia». Ecco la richiesta alle autorità di garantire maggiore «protezione alle moschee».

Tutti i testimoni hanno raccontato di quel van piombato sulla gente ad alta velocità e di persone, giovani e anziani, colte di sorpresa e sbalzate sull'asfalto. Quando il mezzo si é fermato, l'uomo alla guida - descritto come «bianco e senza barba» e successivamente identificato da Scotland Yard come un 48enne - è stato affrontato dalla folla inferocita.

Attorno alla moschea, in ogni caso, l'atmosfera é d'angoscia, con segnali crescenti di collera. Aleggia l'ombra di un possibile doppio standard di giudizio. «È terrorismo sia se le vittime sono cristiane, sia se sono musulmane», ha detto un giovane con voce accorata. Mentre anche l'imam di Finnsbury, Mohammed Kozbar, ha parlato apertamente di «atto terroristico, come a Manchester, a Westminster o a London Bridge».

Un testimone racconta che il conducente del furgone, piombando sui pedoni, ha urlato: "Ucciderò tutti i musulmani". Quel furgone, ha detto, "ha sterzato all'improvviso contro una folla che si era radunata fuori dalla moschea per soccorrere un anziano caduto a terra.

Un imam della moschea dove c'è stato l'attacco ha evitato che la folla linciasse l'autista subito dopo l'incidente e lo ha "protetto" fino all'arrivo della polizia. Lo hanno riferito testimoni ai media britannici.

La moschea di Finnsbury Park ha avuto in passato pessima fama. Una decina di anni fa vi trovò la sua 'tribunà Abu Hamza, predicatore d'odio poi arrestato ed estradato infine negli Usa; e fu frequentata anche da Richard Reid, l'uomo che nel 2001 cercò di far esplodere un ordigno nascosto nella sua scarpa su un volo American Airlines Parigi-Miami.

Dopo essere stato chiusa d'autorità per un periodo, ha riaperto con una nuova leva di leader religiosi che - scrive l'agenzia Pa - si mostrano oggi impegnati nel dialogo interconfessionale.