Grillo sfida i presidi: "Autocertificazione valida anche per il 2018"

Lo strumento dell’autocertificazione è stato usato per tutto il 2017 e lo sarà anche per il 2018.

Grillo sfida i presidi:

Lo spiega la ministra della Salute Giulia Grillo, all’indomani della presa di posizione dei presidi sull’obbligo vaccinale per l’accesso alle scuole. «Una polemica surreale», dice Grillo, che aggiunge: «Sebbene mi prendano in giro su questo punto, l’idea di un obbligo flessibile a seconda dei territori è l’idea più sensata».

«L’Associazione nazionale presidi è totalmente apartitica, abbiamo criticato i governi di tutti i colori, noi ci orientiamo e diamo giudizi secondo la nostra coscienza e la conoscenza dell’organizzazione scolastica per tutelare la salute pubblica e il diritto all’istruzione». Il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, replica così al ministro della Salute che ha parlato di polemica assurda e di attacco politico nei suoi confronti.

Per quanto riguarda la circolare congiunta Bussetti-Grillo che estende l’autocertificazione per i vaccini all’anno scolastico 2018-2019, Giannelli ha osservato: «Conveniamo sulle buone intenzioni di semplificare la vita dei genitori, ma temiamo che si risolva in una complicazione. Nell’anno scolastico 2017-2018 l’autocertificazione era prevista dalla legge in via temporanea perché c’era un’enorme quantità di vaccini da somministrare, ma adesso il grosso è stato fatto, non ci saranno più lunghi tempi di attesa e non bisogna disperdere il lavoro fatto. L’autocertificazione in questa situazione ha l’unica ratio che un genitore non ci va proprio alla Asl, e questo è fuori legge». .