I cibi per combattere l'alitosi

Secondo gli esperti a soffrire di alito cattivo in maniera cronica è un italiano su quattro.

I cibi per combattere l'alitosi



Non dipende da ciò che si è mangiato a pranzo o a cena, ma nel 90% si tratta di un problema legato all'igiene orale.

Dipende in particolare dal proliferare, all'interno della bocca, di batteri che si nutrono con i residui di cibo o può essere dovuta a problemi di digestione (bruciori di stomaco, reflusso) o di stitichezza.

Ecco alcuni cibi che aiutano a ridurre i problemi di alitosi:

1. CILIEGIE: sono un’ottima fonte di vitamina C. Gli antiossidanti che contengono aiutano a tenere sotto controllo l’infiammazione. Le antocianine poi aiutano a eliminare il gas liberato dalle sostanze in decomposizione e dell’aglio.

2. LATTUGA: la romana, esempio di lattuga eccellente dal punto di vista nutrizionale, contiene più vitamina A e C rispetto alle altre varietà così come i nutrienti vegetali come la luteina e zeaxantina che favoriscono la salute degli occhi e di altre parti dell’organismo.

3. LATTE: alcuni studi hanno dimostrato che il latte di mucca riduce l’odore di diverse sostanze maleodoranti, come tioli, solfiti e bisolfiti comunemente presenti nella famiglia degli Allium (aglio, cipolla, porro ed erba cipollina). Pare che il latte intero sia ancora più efficace rispetto a quello magro.

4. PERE: sono un’ottima fonte di fibre che combattono malattie cardiache, diabete e cancro. Sono inoltre un’ottima fonte di vitamina C. Si è scoperto che le pere possono essere efficaci per ridurre la formazione di muco, una delle cause di alitosi. Uno studio ha dimostrato che consumare pere non mature riduce sensibilmente l’alito cattivo dovuto al consumo di aglio.

5. TÈ VERDE: i polifenoli nel tè verde combattono i batteri che provocano carie dentale e neutralizzano i composti sulfurei che causano l’odore e sono presenti in altri cibi e batteri nocivi.

6. YOGURT: pare che una razione giornaliera di yogurt riduca il solfuro di idrogeno, un gas maleodorante. Ciò potrebbe essere dovuto a determinate catene di batteri amici che per poter crescere si mettono in competizione con i batteri cattivi, tra le cause del cattivo odore.

7. CACAO IN POLVERE: i polifenoli del cacao riducono la formazione dell’acido di Streptococcus e Streptococcus sanguinis, i batteri cattivi che producono acido caustico in grado di bucare i denti.

8. SUCCO DI CAROTE: è una fonte incredibile di vitamina A. L’assunzione di betacarotene protegge dalle infiammazioni alle gengive.

9. PEPERONI: sono ricchi di vitamina C: Il componente attivo di tale vitamina è un antiossidante che combatte dentro ogni cellula del corpo. Più basso è il livello di acido scorbico più alto è il rischio di sviluppare una malattia parodontale.

10. QUINOA: è una fonte eccellente di acido folico, magnesio, manganese, fosforo e anche di rame, fibre, ferro, proteine, tiammina e vitamina B6. Il rischio di malattie alle gengive diminuisce a mano mano che aumenta l’assunzione di grano integrale. Una tazza di quinoa ha oltre 5 gr di fibre dietetiche che aiutano a ripulire i denti dai residui di cibo..