Il radar di Google per usare i dispositivi senza toccarli

La Federal Communications Commission statunitense si è pronunciata sul caso Soli, la nuova tecnologia in sviluppo presso i laboratori di Alphabet (cioè Google) tramite la quale si possono utilizzare i movimenti delle mani per controllare un dispositivo, senza toccarlo.



La tecnologia in oggetto si chiama Soli ed è basata su un piccolo radar che "legge" i movimenti delle mani e delle dita e li interpreta rendendo possibile, per fare un esempio, la pressione di un tasto, la rotazione di una rotella o lo spostamento su una mappa.

Secondo la FCC "Soli è un progetto di interesse pubblico, perché è un dispositivo che fornisce un modo innovativo di controllare i dispositivi tramite una tecnologia di gesture senza touch".

A marzo Google aveva sottoposto il progetto alla commissione, chiedendo l'autorizzazione all'uso del microscopico radar a corto-raggio nella banda di frequenze comprese tra i 57 e i 64 GHz, con livelli di potenza adeguati agli standard.

Facebook però ha da subito sottoposto alla FCC le proprie preoccupazioni a riguardo, affermando che i livelli di potenza richiesti da Google avrebbero potuto interferire con altre tecnologie attualmente esistenti. A settembre, i due giganti tecnologici sono arrivati a un accordo, concordando sull'uso di livelli di potenza più alti degli attuali, ma inferiori a quanto richiesto inizialmente da Google. Su questo si è pronunciata la FCC, dando il via libera a Google e permettendone l'uso anche a bordo degli aerei. Sempre nel rispetto, ovviamente, delle regole imposte dalla Federal Aviation Administration in merito ai dispositivi portatili..