La candeggina fa ammalare di più i bambini

Sembra una leggenda metropolitana eppure l’idea di non far vivere i bambini in una campana di vetro asettica non è assolutamente sbagliata.

La candeggina fa ammalare di più i bambini

I bambini esposti ragionevolmente alla vita normale, aumentano in maniera fisiologica le difese immunitarie dimostrandosi più capaci di affrontare le emergenze immunologiche.

Uno studio svolto da un gruppo di ricercatori del dipartimento universitario Public Health and Primary Care Center for Environment and Health in Belgio, ha trovato diverse evidenze in proposito. La significativa ricerca è incentrata sull’uso della candeggina e sulle sue implicazioni sulla salute dei bambini e le relative infezioni sviluppate.

L’osservazione scientifica è stata fatta su un campione di più di 9000 bambini dai 6 ai 12 anni della provincia di Barcellona in Spagna, di Utrecht in Olanda e di alcune zone della Finlandia centro-orientale.

A tutte le famiglie è stato dato un questionario in cui si chiedeva di enumerare e specificare le infezioni contratte dai bimbi negli ultimi 12 mesi (casi di influenza, sinusiti, tonsilliti, otiti, bronchiti o polmoniti), parallelamente si è indagato sull’uso della candeggina in casa se fosse usata almeno una volta alla settimana.

Nel complesso si è evidenziato come la prevalenza delle infezioni, ricorrenti o episodiche, fosse più alta tra i bambini esposti alla candeggina. I bambini maggiormente esposti alla candeggina sembra presentino un rischio superiore del 20% di ammalarsi di influenza e del 35% di contrarre la tonsillite rispetto ai bambini non esposti alla candeggina.

Le conclusioni dello studio sono molto chiare: la candeggina non fa bene. L’esposizione passive alla candeggina nei bambini in età scolastica, può incidere sulla loro salute, aumentando i rischi respiratori e alter infezioni. L’alta frequenza dell’uso disinfettante di tale prodotto dovrebbe essere attentamente valutato anche in ambito pubblico..