La pasta a cena non solo non fa ingrassare, ma fa anche bene

Quasi 12 milioni di italiani non consumano la pasta di sera per paura di ingrassare o di compromettere il sonno.

La pasta a cena non solo non fa ingrassare, ma fa anche bene

Ma è ora di ricredersi.

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health ha dimostrato che mangiare pasta a cena migliora il riposo notturno e non fa ingrassare.

La pasta a cena fa bene, rilassa, facilita il sonno e non fa ingrassare, anzi fa dimagrire.

Uno studio del Brigham and Women Hospital di Boston, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health, dimostra che la pastasciutta può essere consumata nelle ultime ore del giorno, soprattutto se siamo stressati e soffriamo d’insonnia, grazie alla presenza di Triptofano e Vitamine del gruppo B.

Unione Italiana Food (già Aidepi), l’Associazione che rappresenta i pastai italiani ha realizzato una guida pratica sulle ricette di pasta e i formati più indicati per l’ultimo pasto della giornata.

Il gastroenterologo e nutrizionista Luca Piretta, afferma che il consumo di pasta favorisce la sintesi di insulina che, a sua volta, facilita l’assorbimento di triptofano, l’aminoacido precursore della serotonina (che regola l’umore) e della melatonina (che orienta il ritmo del sonno). E un sonno lungo e ristoratore è inversamente correlato all’aumento di peso, riducendo gli ormoni responsabili della fame.

Inoltre, le vitamine del gruppo B, presenti in quantità maggiore nella pasta integrale, favoriscono il rilassamento muscolare..