L'anguria: fonte preziosa di antiossidanti

L'anguria, a dispetto del gusto dolcissimo, contiene pochissimi grammi di zucchero in 100 grammi di prodotto! Ricca di potassio, questo frutto aiuta a remineralizzare il fisico, migliorando il tono muscolare.

L'anguria: fonte preziosa di antiossidanti



Grazie all’ottimo contenuto di acqua, che supera il 95%, l’anguria rinfresca e reidrata l’organismo ed è una fonte preziosa di antiossidanti, come il licopene (responsabile del colore rosso), che contrasta i radicali liberi e aiuta a prevenire i disturbi cardiocircolatori. Infine, è anche ricca di citrullina, un aminoacido utile per il nostro organismo perché precursore dell’arginina, sostanza fondamentale per la divisione cellulare, la cicatrizzazione delle ferite e lo smaltimento dell’ammonio dal corpo.

Poiché è possibile che l’anguria dia qualche problema di allergia, conviene iniziare a somministrarla dopo il primo anno di età. Si può proporla sotto forma di frullati o sorbetti, eliminando con cura tutti i semi, per passare poi ai pezzetti e, infine, alla divertente fetta intera.

L’anguria va mantenuta rigorosamente al fresco e le sue dimensioni sono determinanti per il tipo di conservazione da attuare: se si tratta di un frutto di piccole dimensioni, è semplice riporlo in frigorifero; se invece si ha a che fare con grossi esemplari, è necessario tagliarli a fette e riporli all’interno del frigorifero, oppure immergerli, interi, in acqua fredda corrente. In ogni caso, non dura a lungo ed è consigliabile mangiarla entro 1-2 giorni dall’acquisto..