Lasciare il lavoro per i figli, sì o no?

Lasciare il lavoro per i figli, sì o no?






La domanda più ricorrente tra le neomamme è "come farò a tornare al lavoro"? La risposta istintiva in quei momenti di stanchezza sarebbe "non ce la farò mai, mollo tutto" ma stanchezza e stress non sono le migliori alleate per fare una scelta ponderata.

Anche perché lasciare il lavoro è semplice ma rischia di essere una strada a senso unico, senza possibilità poi di tornare indietro e cambiare idea.Come mettersi allora nelle condizioni di trovare il proprio equilibrio e fare le scelte più giuste per ciascuno di voi? Un primo esercizio utile è prendersi un paio d’ore per riflettere con calma e ordinare le idee.

Chiedetevi quali sono le vostre priorità. Che cosa è urgente e che cosa è importante per voi, come mamma ma anche come donna, come lavoratrice, forse come moglie? La matrice del tempo di Covey - consulente aziendale e formatore - serve per ripensare a come organizziamo il nostro tempo in base a due parametri, urgenza e importanza.

Se una cosa è urgente e importante, ha la priorità; se invece non è né urgente né importante può aspettare. Però non tutte le cose urgenti sono anche importanti. Per esempio: sterilizzare ciucci e biberon 3 volte al giorno è davvero importante? Se anche una volta nostro figlio mangia omogeneizzati invece che pappa fatta in casa fresca è un dramma? Di altre cose che noi riteniamo importanti (casa con mutuo) possiamo programmare meglio la tempistica perché non diventino sempre un’urgenza.

Le cose importanti invece sono quelle che rispecchiano i nostri valori.

Se il lavoro non c’è né nella lista delle cose urgenti né di quelle importanti, le ipotesi sono due. O avete la fortuna di non dover lavorare per mantenervi o c’è un problema.
Perché non riconoscete al lavoro alcuna importanza, anche se vi consente invece l’indipendenza economica. Molto spesso si cade nella trappola del "breve termine": il nido o la baby-sitter mi costano più di quanto guadagno al lavoro, e quindi lascio.

Può essere vero, ma dal 3° anno (dal 2° nelle sezioni "primavera") la scuola pubblica è gratuita, mentre se una donna esce dal mercato del lavoro è molto difficile che ci rientri, statistiche alla mano. Anche perché purtroppo di questi tempi il lavoro del marito - che una volta in sociologia era definito il bread-winner, ovvero quello che porta a casa il pane, non è più così sicuro e stabile come prima. A voi la scelta.





Ti potrebbero interessare



Come cambia il sonno di una mamma
Come cambia il sonno di una mamma
Le nostre braccia sono la loro sicurezza
Le nostre braccia sono la loro sicurezza
Neonati in acqua fin da subito
Neonati in acqua fin da subito
Cos'è il puerperio?
Cos'è il puerperio?
Qualità del tempo passato con i figli batte la quantità
Qualità del tempo passato con i figli batte la quantità
Paura del parto, niente di più normale
Paura del parto, niente di più normale
Mangiare la propria placenta: toccasana o follia?
Mangiare la propria placenta: toccasana o follia?
Pancia dopo il parto: consigli per ridurla
Pancia dopo il parto: consigli per ridurla
Tutte le altre notizie di Famiglia