Mangi male durante la gravidanza? Danneggi il feto

Mangi male durante la gravidanza? Danneggi il feto






Nutrirsi di cibi grassi e poco nutrienti durante la gravidanza può provocare seri danni al bambino.

Secondo una ricerca della Rockefeller University di Denver, mangiare il cosiddetto cibo spazzatura aumenta le probabilità che in futuro i bambini cedano con maggiore facilità al desiderio di alcol e sigarette.

I ricercatori americani hanno sottoposto alcuni topi a una serie di esperimenti, confrontando la propensione alla nicotina e all'alcol di topolini figli di mamme che in gravidanza avevano seguito una dieta a base di cibi grassi con quelli di altri topi femmine che avevano seguito una dieta sana. Ne è emerso che i topi esposti a una dieta grassa prima della nascita hanno cercato di ottenere una dose di nicotina e alcol in misura maggiore rispetto ai topi esposti a una dieta sana.

Anche una ricerca della Southampton University, nel Regno Unito, ha preso in esame le abitudini alimentari delle donne in attesa. Il cibo spazzatura può causare alterazioni del Dna e predisporre il bambino all'obesità, anche se la madre non ha problemi di peso. Keith Godfrey, uno dei ricercatori, spiega: "la nutrizione della madre durante la gravidanza può causare importanti cambiamenti epigenetici che contribuiscono al rischio della prole di sviluppare l'obesità durante l'infanzia''.

In realtà, anche la costituzione della madre è importante per la salute del piccolo. Infatti, la mortalità neonatale aumenta in maniera significativa se la donna incinta è obesa. Una ricerca pubblicata sulla rivista Human Reproduction, che ha analizzato l'indice di massa corporea di oltre 40 mila donne in attesa, scoprendo che quelle che mostravano un Bmi (Body mass index) superiore a 30 trasmettevano al bimbo un tasso di mortalità di 16 ogni mille parti, dato che si dimezzava se il Bmi rientrava nella forbice 18,5/24,5.

Questo dimostra che è necessario dare tutto l'aiuto possibile alle donne per perdere peso prima della gravidanza e dare al bambino le migliori chance di vita. I ricercatori hanno analizzato i dati di 385 donne obese incinte del loro primo figlio, riscontrando che queste persone rischiavano di più l'eclampsia e le nascite premature rispetto a quanto avveniva per le gestazioni delle donne normopeso.

Tra i pericoli derivanti da un parto prematuro e da un basso peso alla nascita sono ricompresi possibili danni cerebrali del feto, difficoltà respiratoria, problemi nell'apprendimento e una notevole vulnerabilità alle infezioni.





Ti potrebbero interessare



Pasti salutari anche in spiaggia
Pasti salutari anche in spiaggia
Il latte di mamma è un liquido d'oro
Il latte di mamma è un liquido d'oro
La sgridata non deve durare più di un minuto
La sgridata non deve durare più di un minuto
Toxoplasmosi in gravidanza: perché stare attenti?
Toxoplasmosi in gravidanza: perché stare attenti?
Anche i più piccoli in spiaggia
Anche i più piccoli in spiaggia
Cos'è il ringiovanimento ovarico?
Cos'è il ringiovanimento ovarico?
La “tintarella” aumenta il rischio d'infertilità
La “tintarella” aumenta il rischio d'infertilità
Una buona colazione può aumentare la fertilità
Una buona colazione può aumentare la fertilità
Tutte le altre notizie di Famiglia