Nina Moric: "Mio figlio ha gravi problemi di salute"

La battaglia legale di Nina Moric contro l'ex suocera, Gabriella Corona, per l'affidamento del figlio Carlos, è al secondo round.

Nina Moric:

In un'intervista all'Huffington Post, la modella croata, affiancata dall'avvocato Solange Marchignoli, è un fiume in piena, senza filtri, dopo che tre anni fa il Tribunale dei minori ha deciso di collocare il figlio di 15 anni presso la nonna paterna.

"Sono una madre disperata a cui le istituzioni hanno tolto un figlio, ed è proprio contro quelle istituzioni e quella burocrazia che voglio combattere", dichiara l'ex moglie di Fabrizio Corona, oggi attivista di estrema destra con Casa Pound, "se per difendere mio figlio e tutte le madri e i padri che hanno subito la mia stessa tortura devo arrivare in parlamento vorrà dire che ci arriverò".

La Moric aggiunge un tassello in più. Dice che Carlos ha gravi problemi di salute. "Mio figlio mi è stato portato via in base a dicerie secondo cui io facevo uso di stupefacenti o alcol", dichiara la Moric. Tutto risale a una notte di tre anni fa quando è finita al pronto soccorso per "atti autolesionistici". "Ho fatto tanti test, ed è sempre uscito tutto negativo. Però non è cambiato niente. Intanto mio figlio ha dei problemi di salute gravissimi ed io non posso stargli vicino. Ho fatto un conto delle ore: negli ultimi due anni ho visto mio figlio per otto giorni".

Dopo quel doloroso episodio, Carlos vive con la nonna. Lei lo può vedere solo una volta alla settimana in presenza degli educatori. Questo da tre anni senza che la vicenda si sia sbloccata. Nina non può occuparsi in alcun modo del figlio, non può parlare con gli insegnanti, andare alle partite di calcio, neppure aggiustargli il telefonino se si rompe. "La mia ex suocera come madre ha fallito. Con Fabrizio Corona ha fatto un disastro".

Parole forti, forse dettate dalla disperazione di una madre che ha perso l'unico figlio. "Carlos sta sempre peggio, e anche io non sono serena. Spero che Fabrizio esca dal carcere. Anche lui non appoggia ciò che sua madre sta facendo a nostro figlio"..