Non si arrende al cancro e si qualifica ai Campionati Ue di danza

Niente e nessuno ferma Lily Douglas, la ballerina prodigio che all'età di 9 anni, quando le hanno diagnosticato una forma rara e aggressiva di tumore osseo, aveva già vinto un'ottantina di titoli nella break dance e nel freestyle.

Non si arrende al cancro e si qualifica ai Campionati Ue di danza



In questi ultimi 12 mesi di interventi chirurgici e lunghi cicli chemioterapici, la baby ballerina coraggiosa si è qualificata ai Campionati Europei, collezionando tante altre soddisfazioni. La storia arriva da Perth, vicino Edimburgo.

"Ballava cinque ore al giorno - racconta mamma Jane al Daily Mirror - e per quanto le terapie fossero estenuanti Lily ha continuato a danzare: dopo il secondo ciclo di chemio ha partecipato a Glasgow a una competizione vincendo due trofei. Non aveva voluto indossare la parrucca, ma un cappello da baseball che durante l'esibizione ha lanciato mostrando la realtà".

"E' stato emozionante - continua Jane. - Tutti avevano gli occhi lucidi e i giudici si sono alzati per abbracciarla, dal pubblico c'è stata una standing ovation. Per lei è stata una spinta incredibile".

Trecentoventisette giorni dopo la diagnosi di tumore e 10 nuovi titoli conquistati, a fine marzo Lily si è sottoposta all'ultimo ciclo di chemioterapia, il 14esimo, dopo nove interventi e il superamento di sette infezioni. Nel frattempo si è anche qualificata ai Campionati europei.

Anche quando le è stata tolta la scapola sinistra Lily non ha voluto rinunciare agli allenamenti e poco tempo dopo è arrivata seconda ai Campionati scozzesi di Street Dance di Edimburgo per under 12. Poi un'audizione al prestigioso Scottish Ballet.

Il tutto prima di partire per la Florida, dove dovrà sottoporsi a due mesi di radioterapia. Femore e gamba sinistra dovranno essere operati. "Siamo lontani dalla meta - conclude la mamma, - ma finché Lily continua a ballare, può superare qualunque cosa"..