Otto regole da seguire per dire di no ai dolci

Mangiare una fetta di dolce di tanto in tanto va bene, il problema nasce nel momento in cui il consumo di questi prodotti diventa quotidiano e massiccio.

Otto regole da seguire per dire di no ai dolci



Le persone che ne consumano in quantità elevate ogni giorno solitamente non stanno rispondendo affermativamente a un desiderio (il quale comunque in una circostanza simile diventa comunque dannoso), ma piuttosto a delle mancanze interiori.

Ecco otto modi per dire di no ai dolci definitivamente

1. Leggere le etichette
Alcuni prodotti alimentari non sembrano dolci, ma in realtà lo sono. Leggere le etichette significa diventare più consapevoli di cosa si sta portando in tavola e di conseguenza a evitare prodotti potenzialmente dannosi per la salute.

2. Smettere di acquistarli
Non avere in casa dolci significa ridurre del 90% le possibilità di consumo.

3. Sostituire lo zucchero
Imparare a sostituire lo zucchero con prodotti naturali dolcificanti, in piccolissime qualità, è già un grande passo avanti.

4. Trovare la giusta motivazione
Può essere il forte desiderio di snellire i fianchi, rassodare le gambe oppure entrare in quei vecchi jeans che tanto ci piacciono.

5. Fare un'analisi interiore
La fame nervosa e l'eccessivo bisogno di mangiar dolci è spesso collegato a una carenza di affetto o un accumulo di ansia e stress. Trovare il problema e risolverlo, aiuterà anche a dire di no ai dolci definitivamente.

6. SI allo "sgarro"
Si dice che, più una cosa viene vietata, più è forte il desiderio di averla. Ecco perché di tanto in tanto mangiare dolci va bene. Basta imporsi dei limiti.

7. Bere tanta acqua
Aiuta a ridurre l'attacco di fame ma soprattutto, spesso interpretiamo male i segnali del corpo e, quando si ha bisogno di bere, si crede invece di voler mangiare.

8. Seguire una sana alimentazione
Mangiar bene e in modo regolare aiuta a cadere meno nella tentazione di consumare dolci tra un pasto e l'altro. Il consiglio è quello di studiare una dieta su misura con lo specialista..