Paracetamolo in gravidanza? Meglio non esagerare

In gravidanza non bisogna esagerare con il paracetamolo.

Paracetamolo in gravidanza? Meglio non esagerare



A ricordarlo è Rod Mitchell, esperto dell'Università di Edimburgo che insieme a un gruppo di ricercatori scozzesi, ha pubblicato i risultati di uno studio secondo cui l'uso prolungato di questo farmaco durante la gestazione potrebbe compromettere lo sviluppo corretto dei testicoli del bambino.

Meglio dunque attenersi alle linee guida e assumerlo alla dose efficace più bassa e per il più breve tempo possibile. Mitchell e collaboratori hanno analizzato l'effetto del paracetamolo su tessuto di testicoli umani trapiantato in topi cui è stato somministrato il farmaco – il più utilizzato contro la febbre durante la gravidanza – per 7 giorni.

"I problemi riproduttivi maschili più comuni sono associati a una ridotta esposizione al testosterone durante la vita fetale", spiegano i ricercatori.

Questo studio ha svelato che l'assunzione prolungata di paracetamolo può ridurre del 45% proprio la produzione di testosterone nei testicoli in via di sviluppo..