Questo smartphone “spaziale” vedrà mai la luce?

Un anno e mezzo fa, Turing Space Industries cercò di promuovere il suo Turing Phone, smartphone realizzato in lega metallica Liquidmorphium, accompagnato da un assistente personale basato sull'intelligenza artificiale.



Turing Phone non è mai stato commercializzato, ma ora Turing Space Industries è impegnata in un nuovo progetto ancora più ambizioso ed allo stesso tempo al limite del realizzabile.

HubblePhone è un nuovo device caratterizzato da un design quantomeno futuristico. Prende il suo nome dal telescopio Hubble, ed è equipaggiato con un doppio display borderless. Uno di questi è mobile e può essere orientato a piacere dall'utente, in una modalità che ricorda molto lo schermo integrato nelle videocamere.

Quattro display OLED, sensore da 60 megapixel che supporterà uno zoom ottico 15x, due batterie (una da 2.800 mAh e un’altra più grossa da 3.300 mAh), sistema operativo Android 9 P (o il meno conosciuto Sailfish 3 OS), protocollo 5G...

Il suo arrivo sul mercato è previsto per l'inizio del 2020, al prezzo di 2749 dollari..