Sanzioni UE: Usa difendono Apple

Nuovo capitolo nella complicata storia della relazione tra Apple, tasse e Unione Europea.

Sanzioni UE: Usa difendono Apple



La Commissione Europea aveva sganciato una multa da 13 miliardi di euro da versare al fisco irlandese per compensare undici anni di mancati versamenti: secondo l'accusa, fra il 2003 e il 2014 Apple avrebbe corrisposto un'aliquota di molto inferiore al 12,5% previsto dalla tassazione nazionale (appena un 1%, poi sceso allo 0,005% alla fine del periodo).

Sia l'Irlanda che Apple stessa hanno già annunciato che si appelleranno alla decisione.

Ora, secondo fonti confidenziali di Reuters, il governo statunitense sarebbe pronto a intervenire a sostegno dell'azienda di Cupertino. La decisione potrebbe essere sia dell'amministrazione Obama, che aveva apertamente criticato la decisione dell'UE, sia di quella attuale di Trump, che non si è pronunciata pubblicamente. Secondo la fonte, gli “Stati Uniti hanno fatto formale richiesta al Tribunale dell'Unione Europea per poter intervenire nel caso”. Caso che, a detta di un'altra fonte, sarà esaminato dalla Corte di Giustizia non prima della seconda metà del 2018..