Sardegna, la protesta dei pastori: "Bloccheremo i seggi elettorali"

Le proteste dei pastori sardi, che lamentano un prezzo troppo basso per il latte ovino e caprino, non si fermano nonostante le prime denunce.

Sardegna, la protesta dei pastori:

Dopo le manifestazioni clamorose di sabato, ieri i pastori hanno lanciato un ultimatum alle istituzioni: se non si troverà una soluzione in pochi giorni alla vertenza sul prezzo del latte, i manifestanti bloccheranno i seggi in tutta la Sardegna per le elezioni regionali di domenica 24 febbraio.

"Se entro pochi giorni non si trovano soluzioni per il nostro settore - annuncia il coordinamento dei pastori - bloccheremo la Sardegna il 24 febbraio, il giorno delle votazioni. Non entrerà nessuno a votare: non è che non andiamo a votare, non voterà nessuno, blocchiamo la democrazia, ognuno si assuma le proprie responsabilità"."Se il problema dei pastori non si dovesse risolvere nelle prossime ore sono pronto ad arrivare personalmente in Sardegna, in settimana".

Salvini ha dichiarato: "Si tratta di una questione da risolvere in fretta, ho atteso qualche giorno l'arrivo di qualche buona notizia dalla Regione, e questo non è accaduto". Intanto gli inquirenti stanno visionando i numerosi filmati delle azioni di protesta postati sui social, soprattutto quando le manifestazioni hanno riguardato il blocco di cisterne e la distruzione di latte già confezionato. .