Compiti delle vacanze: dritte per aiutare i bambini

Compiti delle vacanze: dritte per aiutare i bambini






I compiti delle vacanze aiutano i bambini a consolidare quanto appreso durante l’anno. Ecco i consigli per trarne il massimo profitto e non stressare troppo i nostri figli durante l'estate.

1 Aiutateli a organizzarsi.
Solitamente, alla scuola primaria, i compiti sono concentrati in un unico libro in cui però sono comprese tutte le materie; decidete insieme un piano di lavoro che preveda lo svolgimento o comunque la lettura di un certo numero di pagine al giorno cercando di lasciare solo poche pagine per i primi giorni di settembre (e per non trovarsi con 25 pagine da compilare la sera prima dell’inizio della scuola).

2 Stabilite un orario fisso e cercate di rispettarlo
L’ideale sarebbe scegliere un momento in cui gli amichetti abitualmente non sono in circolazione e possibilmente all'inizio della giornata, quando i bambini non hanno ancora affrontato “le fatiche” della vacanza e sono a mente fresca e ricettiva.

3 Trovate il tempo di condividere il lavoro con loro
Ci deve essere un tempo in cui i bambini condividono con i genitori i compiti, come deve esistere uno spazio dedicato alla lettura e all'approfondimento in cui i grandi si mettono accanto ai piccoli “a lavorare”, anche perché, a prescindere dal dato didattico questi comportamenti aiutano a costruire un legame profondo.

4 Ma non fate i compiti per loro
Ci sono compiti che vanno gestiti unicamente dai bambini; il genitore, per esempio, non deve risolvere il problema di matematica ma può commentarlo e discuterne con il figlio una volta terminato.

5 L'obiettivo dei compiti: consolidare le materie
I compiti delle vacanze possono essere un consolidamento di quanto appreso durante l’anno ma anche un verificare e condividere con il genitore. Da parte dell’adulto questo spazio deve essere vissuto come partecipazione e presenza sul lavoro fatto dal bambino, come un modo per rendere questo lavoro significativo, e quindi, in ultima analisi, per mettere il figlio in condizione di pensare.

6 Nutrire la mente con i libri
Non deve mai mancare l’invito a leggere qualche libro durante l’estate. Le letture condivise con i genitori hanno ancora più valore (“se leggi qualcosa di bello o di interessante, raccontamelo”): i bambini vanno stimolati a leggere perché la lettura ha un ruolo molto importante nel processo cognitivo, inoltre è un momento di narrazione che serve da approfondimento della lingua orale, da palestra del saper raccontare e sintetizzare.

7 La correzione conta!
Molto spesso quando si torna a scuola, a settembre, i compiti non vengono corretti dalle maestre che ‘si buttano’ subito sul programma dell’anno scolastico. Invece sarebbe importante farlo, intanto per dare l’impressione ai bambini che “non hanno lavorato per nulla” e poi per dare un rapidissimo ripasso al programma dell’anno precedente.





Ti potrebbero interessare



Coworking e cobaby
Coworking e cobaby
Troppa violenza in sala parto; donne rinunciano al secondo figlio
Troppa violenza in sala parto; donne rinunciano al secondo figlio
Educare i bambini senza punizioni
Educare i bambini senza punizioni
Farmaci da non somministrare ai bambini
Farmaci da non somministrare ai bambini
Come scegliere le attività extra-scolastiche senza stress
Come scegliere le attività extra-scolastiche senza stress
Aspirina in gravidanza: sì o no?
Aspirina in gravidanza: sì o no?
Lasciare il lavoro per i figli, sì o no?
Lasciare il lavoro per i figli, sì o no?
Non diciamo sempre no ai nostri figli
Non diciamo sempre no ai nostri figli
Tutte le altre notizie di Famiglia