Funghi e batteri nelle lenzuola: ogni quanto bisogna cambiarle?

Se non vogliamo che il nostro letto diventi un terreno di coltura di funghi e batteri, le lenzuola vanno cambiate una volta alla settimana.

Funghi e batteri nelle lenzuola: ogni quanto bisogna cambiarle?

A dirlo è Philip Tierno, microbiologo dell'Università di New York. Se ci dimentichiamo di farlo, il rischio è quello di ammalarsi.

Annualmente, noi esseri umani produciamo infatti una media di 26 litri di sudore e l'umidità è un terreno di coltura ideale per i funghi. E quale luogo migliore dei materassi e dei cuscini potrebbero avere per proliferare? Uno studio ha rivelato non a caso che nei cuscini dopo un anno e mezzo si possono trovare anche 17 tipi diversi di funghi. E sulle lenzuola, a contatto con il corpo, le cose non vanno meglio.

Il nostro corpo è una fucina di funghi che emaniamo tramite il sudore, ma anche con l'epidermide, l'espettorazione (i colpi di tosse e gli starnuti) o con le secrezioni vaginali e anali.

Come se non bastasse, a questo mix di microbi vanno uniti quelli che provengono dall'esterno portati ad esempio dai peli degli animali, dal polline e dagli acari della polvere.

Allo stesso modo, anche pigiami e camicie da notte andrebbero cambiate una volta alla settimana. È questa la giusta frequenza secondo Sally Bloomfield, consulente in igiene e prevenzione delle malattie infettive. .