Un terzo degli italiani è dipendente dalla tecnologia

Un terzo degli italiani ammette di essere dipendente dalla tecnologia.

Un terzo degli italiani è dipendente dalla tecnologia

Lo dice uno studio di Gfk condotto in 17 paesi del mondo che ha coinvolto 22mila persone.

Cina, Brasile e Argentina sono i paesi in cui la popolazione trova più difficile fare una pausa dallo schermo.

Nel nostro paese, il 29% degli intervistati ammette di avere problemi di dipendenza da tecnologia. Se rapportato all’Unione europea, siamo quelli con la percentuale più alta di tecno-dipendenti, seguiti da Francia e Spagna col 27%, dalla Gran Bretagna con il 23%, dal Belgio con il 21%, dalla Germania con il 19%, dall’Olanda con il 17%.

La cyber-dipendenza è ormai un problema riconosciuto anche dalla medicina ma non tutti ne sono consapevoli. Secondo l'indagine, globalmente oltre un terzo degli intervistati (34%) ha ammesso di avere delle difficoltà a prendersi una pausa da smartphone, pc, tv e altri dispositivi anche quando sa che dovrebbe farlo.

Nel nostro paese, come negli altri coinvolti, non ci sono differenze significative tra uomini e donne ma particolarità per reddito e fasce d'età. Dopo trentenni (37%) e teenager (35%), i più colpiti dalla dipendenza sono i quarantenni con il 34% mentre la fascia 20-29 anni è al quarto posto con il 32%. Come succede anche a livello internazionale, le persone 'over 60' sono quelle che hanno meno problemi (18%) con la dipendenza..